Come funziona il metodo DPM

Il protocollo dietetico DPM system si attua in tre fasi.

Fase 1 - Attacco (14/21 gg): (leggi)

Il protocollo dietetico DPM system si attua in tre fasi.

Fase 1 – Attacco (14/21 gg):

La prima fase è una dieta proteica controllata, per un periodo limitato, che viene prescritta dal nutrizionista se le condizioni generali del paziente lo consentono (non devono sussistere controindicazioni).
Questo regime alimentare, caratterizzato da liporiduzione, si attua assumendo cibi proteici magri (in parte con integratore specifico), verdure a basso indice glicemico ed azzeramento dell’introito dicarboidrati. La quota totale di proteine da assumere ogni giorno tramite gli alimenti e l’integratore, viene calcolata secondo il metodo del prof. Blackburn, ovvero 1,2 gr per la donna e 1,5 gr per l’uomo per Kg di peso ideale. In ogni caso sarà il nutrizionista ad elaborare il piano nutrizionale personalizzato sulla base dei parametri fisiologici del paziente.
L’integrazione proteica (personalizzata) avviene tramite il prodotto Aminosynth o Aminocream, integratore alimentare ad alto indice proteico. La perdita di sali viene ripristinata dai citrati già contenuti nell’integratore. In tal modo si riducono al minimo i rischi di acidosi.

Durante la prima fase, a livello metabolico si generano due importanti processi:

Modesta chetosi


Grazie a questa si ottiene una riduzione della sensazione di fame, contribuendo ad evitare l’abbandono del trattamento ed attuare modifiche dello stile di vita in senso salutistico.

Gluconeogenesi


Con la riduzione dei carboidrati si ottiene un rapido calo dell’insulina che impedisce la messa in riserva degli acidi grassi e stimola la lipolisi, soprattutto in quelle zone in cui sono localizzate le adiposità.

L’organismo, utilizzate le riserve energetiche (glicogeno), processo che avviene dopo circa 48 ore, attiva la gluconeogenesi epatica. Questo processo è fondamentale per garantire la quantità di glucosio per le cellule gluco-dipendenti, quali globuli rossi, cervello e retina.

Fase 2 - Consolidamento (21 giorni): (leggi)

In questa fase si reintegrano gradualmente tutti gli alimenti a livello quantitativo tramite un regime alimentare basato sul modello della dieta ipocalorica mediterranea (priva di latticini). Contestualmente si riduce l’introito proteico con l’integratore specifico (una dose giornaliera). Questo regime alimentare ha lo scopo di consolidare i risultati della prima fase.

Fase 3 - Mantenimento (23 giorni): (leggi)

In questa fase si reintegrano gradualmente tutti gli alimenti a livello quantitativo tramite un regime alimentare basato sul modello della dieta ipocalorica mediterranea (possibilmente con cereali integrali a basso indice glicemico). L’introito proteico con l’ integratore specifico e’ ridotto (di solito una dose giornaliera). Questa fase ha lo scopo di riequilibrare il metabolismo per intraprendere una corretta alimentazione e stile di vita.
Durante il trattamento (soprattutto nella prima fase) è necessario bere almeno due litri di acqua al giorno. Non si devono bere bevande gassate ed alcool.

Bibliografia

  1. Diabetes. 1976 Jun;25 (Hello6):494-504.
  2. The National Task Force on the Prevention and Treatment of Obesity. Very Low-Calorie Diets. JAMA 1993;270:967-74
  1. Lancet 1997; 350: 423-6
  2. DEHKO– Finnish Diabetes Association 2003
  3. Asia Pac J Clin Nutr. 2006;15 Suppl:49-54. State of the science: VLED (Very Low Energy Diet) for obesity. Delbridge E, Proietto J.
  1. Finnish Diabetes Association. Development Programme for the Prevention and Care of Diabetes in Finland DEHKO 2000-2010.
  1. Nutr Diabetes. 2014 Feb 10;4:e105.
  2. Int J Environ Res Public Health. Feb 2014; 11(2): 2092–2107.
  • Rapida Perdita di peso

  • Assenza del senso di fame dopo 48 ore

  • Miglioramento del tono muscolare

  • Azione sulle adiposità localizzate

  • Sali minerali ed alcalinizzanti inclusi nei prodotti abbinati

  • Costi contenuti